La Banca Centrale approva la super tassa sulle emissioni CO2, piu’​ pesante,ancora, delle indicazioni EU.

La Banca centrale dei Paesi Bassi (Nederlandsche Bank – DNB) e’ favorevole all’applicazione di una tassazione pesante sulle emissioni di CO2 in Olanda, anche se questa misura non dovesse essere condivisa a livello europeo.

Di recente ha pubblicato uno studio sull’impatto economico della tassazione sulle emissioni, mostrando che, se ogni tonnellata di CO2 venisse tassata per 50 euro, cio’ non avrebbe conseguenze devastanti sull’economia del Paese. Al contrario, gli 8 miliardi di euro, derivanti dall’applicazione di questa tassa, potrebbero essere riciclati attraverso le imposte sul reddito, creando da un lato una crescita economica dello 0,5% e dall’altro una diminuzione del tasso di disoccupazione. Questo e’ quanto riportato dal NRC Handelsblad.

Non bisogna pero’ ignorare che alcune delle industrie operanti nell’estrazione di minerali, prodotti chimici, metalli di base e nel settore energetico, verrebbero gravemente colpite dall’applicazione della misura, subendo delle perdite economiche nelle vendite pari a quasi l’8%.

Il Direttore della Banca centrale, Job Swank, non si stupisce che la misura proposta provochi forti discussioni nel settore, ma ritiene che non sarebbe saggio ignorare i benefici che porterebbe, anche se applicata solo nei Paesi Bassi. In questo modo infatti si affronterebbe il problema alla fonte e cioe’ con gli “inquinatori”.

Inoltre, tutte le risorse economiche derivanti dall’applicazione della tassa sulle emissioni di CO2 potrebbero essere reinvestite e ridistribuite sotto forma di sussidi a quelle aziende che dovessero subire le perdite maggiori ma non solo. L’obiettivo e’ di renderle meno inquinanti, puntando ad una produzione piu’ sostenibile. Si pensi ad esempio alla CCS (Carbon Capture and Storage) o allo stoccaggio di CO2 in profondita’ nei fondali marini.

“L’industria” – conclude Swank – “deve garantire il suo impegno volto alla riduzione delle emissioni di CO2, altrimenti  il Consiglio dei Ministri non riuscira’ a raggiungere gli obiettivi di Governo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *