L’incremento delle vendite On-line manda in TILT gli uffici doganali.

Tempi duri per l’Agenzia delle Dogane olandese.

Si stima infatti un aumento dal 20% al 30% del numero di “dichiarazioni” che quotidianamente i funzionari doganali si trovano a gestire.

Questo e’ quanto dichiarato dal Direttore della Politica di imposizione doganale, Bert Wiersema, al quotidiano Het Finacieele Dagblad.

Inoltre, con l’avvento di Brexit nel 2019, si prevede un incremento del numero di funzionari, necessari per sbrigare tutte le formalita’ e i controlli supplementari, tra le 750 e le 930 unita’.

I fattori principali di questi considerevoli aumenti sono la crescita esponenziale degli acquisti on line da webshop, Alibaba e Amazon tra i principali, e la loro tendenza a fare magazzino in centri di distribuzione dell’Europa occidentale.

Da questo si originano poi altre problematiche, di natura sia operativa che fiscale, nonche’ per il calcolo e l’applicazione dell’IVA.

A livello operativo infatti, poiche’ i webshop fanno magazzino in Europa, ma rivendono anche da altre parti, cio’ obbliga i funzionari doganali a dover gestire in maniera separata una moltitudine di prodotti che arrivano con un solo container.

Dal punto di vista fiscale invece, si crea un problema sulla stima del valore del prodotto. Le Dogane infatti, non possono sapere se l’articolo attualmente in giacenza nei Paesi Bassi, verra’ venduto e a che prezzo. Di conseguenza possono limitarsi a farne una stima pari alla differenza tra il probabile prezzo di vendita e i costi sostenuti, come ad esempio i costi di stoccaggio. Chiaramente tutta questa incertezza si riversa non solo sugli uffici doganali ma anche sulle aziende e sul lavoro stesso.

Infine, non meno importante, l’impatto sul calcolo dell’IVA.

Infatti i prodotti importati da Paesi extra-EU con un valore inferiore ai 22 euro sono ese-IVA. Ma tale esenzione non e’ piu’ applicabile se gli stessi prodotti vengono stoccati in Europa prima di essere effettivamente venduti. In questo senso e’ fondamentale che le merci non siano state ancora vendute nel momento in cui le societa’ presentano la dichiarazione di importazione all’Ufficio delle Dogane.

Per garantire alle Dogane un migliore controllo ed una gestione piu’ efficiente dei beni in transito dal Mare del Nord e’ opportuna la creazione di un canale comunicativo ed informativo preferenziale tra gli Uffici doganali e i webshop.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *